23 agosto, 2016 | di in » Entropia

Il titolo richiama un mio vecchio post, dedicato agli insegnamenti del geografo Franco Farinelli. In effetti, a quello è proprio legato.

Il prof. Piero Dominici è un sociologo. Teoria dei sistemi e teoria della complessità sono i suoi campi d’interesse, in particolare con riferimento alle organizzazioni complesse e alle tematiche riguardanti cittadinanza, democrazia, etica pubblica. I risultati delle sue ricerche fecondano anche gli innumerevoli interventi divulgativi e d’impegno sociale, cui il nostro si applica con continuità assillante, a beneficio della crescita in noi di un atteggiamento di responsabilità (educazione e istruzione, sollecita lo studioso) nei riguardi della crescente complessità della nostra epoca. Per inciso, Dominici è socio di Stati Generali dell’Innovazione.

Nei primi giorni di agosto, sono stati pubblicati due suoi contributi, che segnalo molto volentieri. Sul Sole24Ore è disponibile un intervento a sostegno della mozione per la risoluzione Safeguarding and enhancing Europe’s Intangible Cultural Heritage e della consultazione pubblica connessa, promossa dal progetto #DiCultHer (consultazione pubblica http://diculther.today/).

Il secondo articolo, proposto su TechEconomy,  dal titolo “Dialettiche aperte: traiettorie e discontinuità della società (di massa) interconnessa/iperconnessa”, lascia intuire che la sua lettura richiederà impegno: ma ne vale la pena.

Da parecchio tempo, tenevo “in memoria” il proposito di segnalare su TANTO gli insegnamenti di questo studioso. E sarebbe rimasto probabilmente tutto nella “penna” se non fossi finito sul sito di PensieroCritico.eu, curato da Franco Mattarella, dove ho trovato la seguente mappa concettuale, che v’invito a esplorare.

La-societa-ipercomplessa-richiede-una-nuova-Comunicazione_mappa

Dominici ha coniato il termine “Società Ipercomplessa”, con cui identifica in maniera sintetica una società nella quale, rispetto al passato, prevalgono due fattori: l’Economia e un contesto storico-sociale, dominato dalla Comunicazione.

Percorrendo la mappa concettuale della Società Ipercomplessa, giungiamo al punto centrale, caro al sociologo: perché la nuova Comunicazione sostenga lo sviluppo socio-economico occorre investire in Formazione! Orientata a: Pensiero Critico, Cittadianza e Inclusione, Valutazione della Didattica, Uso di piattaforme collaborative (software open-source), Progetti di Social networking. Su questi punti, è necessario definire programmi in cui siano coinvolti: il settore Pubblico, Ricerca & Università e personale docente della Scuola.

Rimaniamo ancora sulla mappa concettuale: al tema del divario digitale, su cui per lo più focalizziamo la nostra attenzione, è affiancato il divario culturale (vedi il citato articolo del Sole24Ore), fenomeno in crescita anch’esso. A questo riguardo, Dominici raccomanda che la formulazione di nuovi programmi di Formazione, di iniziative di educazione e istruzione pensate per le sfide dell’ipercomplessità in un –ancora sconosciuto- ecosistema della connessione continua devono essere fortemente orientate al superamento della separazione tra saperi, discipline, competenze.

Vorrei avervi incuriosito e spingervi ad approfondire il lavoro di questo studioso (l’esplorazione della mappa offre molti altri punti d’ingresso). Può anche essere l’occasione per riascoltare la bella intervista di Andrea al prof. Farinelli, perché –oggi più che mai- il sapere geografico riveste un ruolo significativo per  smascherare la dicotomia “formazione umanistica vs. formazione scientifica”.

Per stare a nostro agio nella “società ipercomplessa” occorre l’appropriazione delle capacità cognitive e strumentali necessarie per utilizzare i nuovi media; l’impegno per un’alfabetizzazione digitale che dia la possibilità ai singoli, alle comunità e alle organizzazioni di partecipare in modo attivo a una società sempre più digitalizzata. Un’alfabetizzazione anche geo-digitale: con la quale però s’intenda non soltanto l’insegnamento e l’apprendimento delle conoscenze di base per l’uso delle tecnologie ma, soprattutto, l’acquisizione di una conoscenza consapevole del loro impiego nel lavoro e nella vita quotidiana, per muoverci in spazi ibridi, tra luoghi fisici e luoghi della Rete.

Tale consapevolezza, non può escludere la necessità di possedere, unitamente all’abilità nell’uso della tecnologia, anche capacità riguardanti la particolare forma dell’intelligenza, appunto spaziale, associata alla rappresentazione nella nostra mente del mondo esterno.

In altri termini, le iniziative di formazione/alfabetizzazione digitale relative all’ambito geografico devono accrescere e migliorare le capacità spaziali, approfittando delle nuove funzionalità rese disponibili dalla tecnologia. Esse devono essere orientate per accrescere sia l’abilità nell’uso competente e confidente delle mappe e la capacità di creare rappresentazioni (dati-informazione-conoscenza) cartografiche per mezzo degli strumenti che la tecnologia mette a disposizione, sia l’attitudine a pensare anche in termini spaziali quando affrontiamo situazioni e problemi nell’ambito della vita quotidiana, all’interno della società e del mondo che ci circonda.

 

 

3 Responses to “Perché le cose che dice e scrive Piero Dominici mi piacciono tanto”

  1. By pietro greppi on ago 24, 2016

    Non ho nulla contro Dominici. Rispetto il suo come ogni altro lavoro. Se utile. In particolare ritengo sia importante che chi lavora con le parole abbia un orientamento ecumenico (in senso laico però). Nel caso specifico e nel caso proprio di Dominici, noto che come molti accademici puri anch’egli esprime complessità senza essere capace di semplificarla. Credo dipenda dall’abitudine a leggere testi scritti da persone altrettanto incapaci di essere divulgatori (che non è semplicemente l’atto di scrivere e diffondere) e dal fatto che alcune menti complesse si capiscono fra loro, così come accade per le menti semplici. Pensavo, tanto per fare un esempio, che leggere Bauman fosse molto impegnativo nonostante sia a mio parere chiarissimo … Dominici per quanto mi riguarda lo trovo invece inutilmente complesso, poco interessante e per nulla stimolante. Poi ovviamente ognuno scrive e legge quel che crede.

  2. By Sergio Farruggia on ago 24, 2016

    Grazie Pietro. Vorremmo che lo spazio dei commenti fosse più frequentato, ci fa quindi piacere ricevere riscontri, positivi o negativi, purché rispettosi delle opinioni altrui.

    Scrivevo in conclusione al vecchio post cui quest’ultimo è legato:
    “Vorrei, e lo spero tanto, che sulle pagine di TANTO questo dialogo appena iniziato possa continuare ed espandersi,
    affinché le cose che ci ha detto il prof. Farinelli abbiano un seguito, ci aiutino a comprendere ‘l’esigenza di mettere a punto
    nuovi modelli del rapporto che esiste tra il sapere, la tecnica ed il funzionamento del mondo’.
    Poi noi lettori di questo blog avremo qualche strumento in più per vivere la nostra professione con maggiore consapevolezza
    e adesione al tempo in cui viviamo.”

    Approfitterei di questa tua disponibilità, per invitarti anche a esprimere, se vuoi, un suggerimento o una critica, o ancora una tua testimonianza rispetto alle mie onsiderazioni circa la Formazione in tema di competenze (geo)-digitali.

  3. By Flavio Pessina on gen 8, 2017

    Leggo gli articoli del prof. Dominici da diversi mesi in Linkedin, da cui sono giunto su questa pagina.
    Grazie per la mappa concettuale, perchè illustra la complessità delle questioni in gioco.
    Apprezzo molto l’impianto teorico, ma è come se ci trovassimo di fronte alla macroprogettazione di un progetto, mancano il livello meso e micro. In altre parole, mancano linee guida pratiche, ogni volta che leggo un suo articolo mi aspetto di arrivare ad un programma operativo che non arriva mai, e questo francamente mi lascia sempre l’amaro in bocca.
    L’ideale sarebbe affiancare a Dominici qualcuno con una robusta pars construens, forse Ceruti? Morin? Rivoltella?

Sorry, comments for this entry are closed at this time.


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.