16 aprile, 2012 | di in » Recensioni

Questo articolo è stato pubblicato originariamente sul Blog di Working Capital.

Ushahidi, che in Swahili significa testimonianza, è oggi una una società non-profit che sviluppa software libero. Il suo core business è lo sviluppo di software per la raccolta, la visualizzazione e la rappresentazione di informazioni su cartografia interattiva.

E’ un valido esempio di come una startup possa nascere da un’idea di successo, in una realtà come quella del Kenya, che non associamo a incubatore di tech company.

Tutto nasce durante le violenze che si sono verificate in Kenya, nel 2008 a seguito delle elezioni politiche. Un gruppo di persone tra cui l’attivista kenyota Ory Okolloh, si trovarono a documentare sui loro blog, anche attraverso i commenti, le violenze che stavano accadendo nel paese. Qualcuno lanciò l’idea di mappare i luoghi delle violenze attraverso Google Maps, e Ory rilanciò la proposta via twitter, chiedendo supporto alla comunità degli sviluppatori software del paese.

In tre giorni era online Ushahidi.com, il sito originale, ancora visibile in una sezione del sito attuale. Ushahidi ebbe una grandissima risposta, ben 45,000 utenti inviarono le loro testimonianze dai luoghi degli scontri, permettendo di seguire l’evoluzione della situazione nel paese in maniera indipendente da quanto riportato dagli organi ufficiali. Un esperimento riuscito di citizen journalism e crowdsourcing.

Da allora Ushahidi non rappresenta più solo una piattaforma web ma una realtà aziendale complessa, al cui al nucleo originale dei fondatori Erik HersmanJuliana Rotich, Ory Okolloh eDavid Kobia si è affiancato un nutrito gruppo di sviluppatori e di specialisti di tecnologia, attivisti politici, giornalisti ed esperti di comunicazione. La cosa che colpisce, guardando le pagine del team è l’estrema distanza geografica che separa queste persone che vivono, in qualche caso, in continenti diversi. Il cuore pulsante del progetto rimane in Kenya anche se, formalmente, la società ha sede ad Orlando in Florida.

La piattaforma di Ushahidi dal 2008 ad oggi è stata testimone di numerose emergenze tra cui ilterremoto di Hahiti, la crisi libica, il terremoto in Giappone e l’attualissima crisi siriana, riuscendo a supportare i cittadini e le organizzazioni che operavano sul campo attraverso la gestione e pubblicazione su mappa delle richieste di soccorso e delle risorse disponibili.

La facilità nella diffusione è stata favorita da Crowdmap, uno dei prodotti creati dalla startup a partire dall’idea originale e che permette di utilizzare le risorse web di Ushahidi per mettere on line, gratuitamente, una versione personalizzata della piattaforma in pochi minuti.

Questo ha permesso, anche in Italia, la realizzazione di diversi deployment, tra cui Rifiutiamoci.

Uno dei punti di forza di Ushahidi è senza dubbio la versatilità. Consente di operare in condizioni logistiche di comunicazione profondamente diverse, adattandosi a scenari di utilizzo profondamente differenti.

La funzionalità di base è quella di rendere disponibili, anche in tempo reale, informazioni geolocalizzate relative a diverse categorie di eventi su una mappa, permettendo di analizzare il flusso temporale degli avvenimenti attraverso una timeline che può essere attivata per rappresentarli dinamicamente.

E’ possibile ricevere via email o SMS un messaggio se un evento di determinato tipo si presenta ad una determinata distanza da una posizione prefissata, allertando ad esempio un giornalista o un’unità di soccorso.

Le segnalazioni possono essere inviate via SMS o nel caso di uno smartphone con GPS integrato, utilizzando il formato GeoSMS che invia automaticamente indicazioni rispetto alla propria posizione. Sono state create specifiche apps per iPhone ed Android ed è prevista un’interfaccia dibackoffice per inserire le segnalazioni ricevute telefonicamente oltre che per validare le diverse segnalazioni, provenienti anche da email e da web.

Un’altra delle innovazioni legate allo sviluppo della start-up è stata la realizzazione di una innovativa piattaforma: SwiftRiver, che è attualmente in versione beta, che analizza e verifica inreal-time grandi flussi di dati provenienti da diversi canali quali: email, twitter, SMS e feed RSS. Il sistema provvede ad un’analisi semantica del flusso permettendo la l’auto-categorizzazione e classificazione dei dati analizzati sulla base di parole chiave.

SwiftRiver è utilizzato anche da Wikipedia per analizzare come gli editor della famosa enciclopedia tracciano, valutano e verificano l’attendibilità delle fonti relative alle voci pubblicate.

Ushahidi ha maturato una così grande esperienza sul campo da aver creato anche dei veri e proprihow-to per l’organizzazione di un sistema di monitoraggio elettorale, per il fund raisinge per la gestione della sicurezza in realtà “democraticamente” difficili.

Tra i progetti italiani che lo utilizzano possiamo citare:

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

5 Responses to “Ushahidi: da gestione delle emergenze a startup di mapping”

  1. By Pietro Blu Giandonato on apr 16, 2012

    Segnalo al volo un’altra Crowdmap che ingloba le mappe già presenti in Jenkins, citata da Lorenzo, utile per capire quanti progetti di crowdmapping sono attivi in Italia http://italycrowdsourcing.crowdmap.com

  2. By Manuele on apr 22, 2012

    Vi segnalo anche un progetto nato in Sri Lanka molto interessante soprattuto sul lato software http://sahanafoundation.org/ basato su software libero ha dato un grosso contributo alla piattaforma web2py contribuendo recentemente al supporto geografico per postgress, mysql e sqlite. Sahana eden è una piattaforma di raccolta dati geografici per la gestione delle emergenze dovute a catastrofi naturali.

  3. By Lorenzo Perone on apr 22, 2012

    Ciao, molto interessante.
    Grazie per la segnalazione.

  4. By Vittorio on giu 8, 2012

    salve Lorenzo, salve a tutti.
    Seguo da tempo il vostro ottimo lavoro su Tanto e in particolare sono rimasto affascinato dalla piattaforma Ushahidi. La mia attività professionale è legata alla gestione del territorio da parte di enti locali, pertanto una soluzione di questo genere apre scenari veramente importanti nella partecipazione dei cittadini alle scelte di una Pubblica Amministrazione. Pensavo di sviluppare una crowdmap a supporto di un Piano Regolatore Comunale che attualmente sto redigendo. Avete qualche feedback in propostito? Risulta che altre PA stiano facendo uso di crowdmap?
    Un saluto e grazie,
    Vittorio

  5. By Lorenzo Perone on giu 8, 2012

    Ciao Vittorio, ti ringrazio per l’apprezzamento verso il nostro lavoro.
    Ti riporto due esempi, di direzione opposta, relativi alla regione in cui vivo:
    https://consumoterritorioemiliaromagna.crowdmap.com/
    https://argenta.crowdmap.com/
    Credo che il crowdmapping sia un’applicazione veramente utile per mantenere un filo diretto tra pianificatori e popolazione.
    Se deciderai di provare saremo felici di raccogliere la tua esperienza.

Lascia un commento

Tag html consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


6 + 6 =


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.