5 gennaio, 2007 | di in » Didattica

Il MIT – Massachusetts Institute of Technology – ha messo online numerosi dei suoi corsi. E’ un’iniziativa molto interessante, che comprende anche corsi legati al mondo dei sistemi informativi geografici. Ecco due esempi:

  1. Environmental Engineering Applications of Geographic Information Systems
  2. Spatial Database Management and Advanced Geographic Information Systems

Il materiale fornito è molto bello e sarà utile sia a chi voglia approfondire le proprie conoscenze, che ai docenti che abbiano bisogno di materiale didattico ben strutturato.

Ecco un esempio di ciò che troverete nella sezione Labs del primo corso:

  • Lab 1.1 – First Class Exercise
  • Lab 1.2 – Introduction to ArcGIS
  • Lab 2.1 – Creating and Editing Shapefiles in ArcGIS
  • Lab 2.2 – Finding and Using Spatial Data
  • Lab 3.1 – Map Layout Exercises
  • Lab 3.2 – Using Handhelds with GPS Data
  • Lab 4.1 – Working with Map Projections in ArcGIS
  • Lab 4.2 – Projection Exercises
  • Lab 5.1 – Working with Digital Elevation Models in ArcGIS
  • Lab 6.1 – Using the Stock Hydrology Tools in ArcGIS
  • Lab 7.1 – Site Selection with Vector Data
  • Lab 8.1 – Cost Distance and Cost Path Analysis

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

5 Responses to “Due corsi GIS gratuiti pubblicati dal MIT”

  1. By Nic on apr 1, 2009

    Ho scaricato dal secondo link il corso.

    Se quialcuno mi dice “bovinamente”, come utilizzare il materiale scaricato …

    tanti ringraziamenti.

  2. By Andrea Borruso on apr 1, 2009

    Ciao Nic,
    non sono sicuro di avere capito la tua domanda :-(

    Le pagine ed i materiali più utili da leggere sono:
    - le Lecture Notes, http://bit.ly/McZ2K
    - i Labs, http://bit.ly/2l6gh
    - e Projects, http://bit.ly/ypMe

    Si tratta dei materiali didattici utilizzati nel corso e collegati tra loro.

    Nella seguente pagina trovi il materiale “tecnico” per mettere in pratica alcune delle cose descritte nelle pagine di sopra:
    http://bit.ly/3S6Xia

    Non credo di esserti stato di aiuto. Mi fai capire meglio le tue difficoltà?

    Ciao,

    a

  3. By Nic on apr 1, 2009

    Ciao Andy,
    ti ringrazio per la risposta.

    In effetti i files da te indicati li avevo già visti.

    Poichè sto seguendo un corso di ArcMap ed uno di KOSMO (è un Gis open source spagnolo) mi aspettavo degli esempi da seguire su file .shp, dbf, ecc.. ecc.. per poi confrontarne i risultati.

    Invece mi sembra di aver capito che servono Oracle ed altre menate varie da utilizzare su riga di comando.

    Non fa niente !

    Ti ringrazio ugualmente del pensiero, ci rileggeremo sul blog (ricco di ottime cose).

    Tra l’altro tempo fa scaricai qualcosa relativo al kriging.
    Però non sono riuscito ad arrivare alla fine (del kriging) nel senso che, necessitando di competenze non banali di geostatistica, non sono arrivato a capire come
    a)si passa dagli “n” punti rilevati sul campo ai punti (ognuno dei quali raprresenta una coppia di punti) sul variogramma.

    b)come viene minimizzato l’errore tra valore misurato e valore interpolato

    C’è qualche esperto ?

    Nic

  4. By Andrea Borruso on apr 1, 2009

    Ciao Nic,
    dove lo stai facendo questo corso ed in che contesto?

    Non mi prendere per uno antipatico, ma per utilizzare il kriging un commento in un blog non basta. Ne tantomeno il post a cui credo tu faccia riferimento; ci sono degli ottimi riferimenti didattici.

    E’ un argomento a cui devi dedicare del tempo di studio per poi metterti a “giocare” un po’ con il software. Non so se Kosmo abbia questo interpolatore; arcmap tramite un’estensione. Ci vogliono come dici competenze non banali di geostatistica.

    Grazie per i complimenti che ci fai,

    a

  5. By Nic on apr 1, 2009

    Se ti interessa proprio ti dirò anche quale pagina ho scaricato da questo blog.

    Per me “giocare” è proprio cercare di capire cose non banali.

    L’estension Spatial Analyst di ArcMap consente di macinare i dati e fare le dovute considerazioni sui risultati.

    La teoria che sta dietro tutto non è indispensabile.
    Ma capire perchè vengono fuori certi risultati è già un bel passo avanti.

    Kosmo non ha questo interpolatore, ancora è un pò rozzo, ma per iniziare va bene.

    Adesso vado a cenare.

    A risentirci.

Lascia un commento

Tag html consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


1 × 8 =


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.