7 agosto, 2015 | di in » Entropia

Questo articolo e’ stato pubblicato originariamente su www.big-gim.it.

Tappa del giro

Siamo agli sgoccioli (in molti sensi): le ferie agostane stanno arrivando e forse molti di voi leggeranno questo post al loro rientro.

Un gruppetto di sostenitori del GIM ha portato a termine la preparazione della versione finale della scheda UNINFO per questo nuovo profilo professionale e ha provveduto al suo invio attraverso il form proposto nell’ambito della consultazione pubblica sui “Profili professionali per l’ICT – Parte 3: Profili professionali relativi alle professionalità operanti nel Web” (Inserire il codice progetto E14D00033 all’URL http://bit.ly/1Mb6pT5).

Ringrazio quindi la redazione di TANTO, Lorenzo Perone ed Andrea Borruso in particolare, Monica Sebillo e tutti quelli che hanno lasciato messaggi sulla mailing list per il sostegno di questo lavoro di affinamento del profilo.

E’ possibile prendere visione del risultato qui. Per la pubblicazione sul web abbiamo utilizzato Crocodoc (ancora un grazie ad Andrea Borruso per la segnalazione). Per chi non conoscesse questa applicazione, tra le varie funzionalità, essa permette di lasciare commenti… Questo mi dà lo spunto per sollecitarne l’invio, anche considerando che potrebbero essere utili in una possibile fase di ulteriore affinamento del profilo.

Questa versione del profilo GIM si differenzia dalla precedente soprattutto perché fa riferimento non più specificatamente all’applicazione di questa figura nell’ambito delle comunità intelligenti, bensì ad una generica organizzazione. La modifica (chi segue questa iniziativa da più tempo ricorderà) è stata suggerita da Antonio Rotundo e discussa in occasione dell’incontro pubblico, svoltosi il 18 giugno scorso presso la Link Campus University di Roma, alla presenza dell’Agenzia per l’Italia Digitale. La scelta tiene conto di un possibile più ampio spettro di possibilità di impiego di tale skill e, inoltre, uniforma questa figura a quelle già predisposte dal gruppo di lavoro UNINFO.

Ciò non esclude, anzi è previsto, che una versione dedicata alle smart communities possa essere preparata: essa assumerebbe anche maggiore rilevanza se derivasse da una figura riconosciuta, come speriamo, da UNINFO.

Infatti, l’idea originale del GIM è maturata immaginando il contesto delle comunità intelligenti, soprattutto facendo riferimento a ciò che queste rappresenteranno nel prossimo futuro: spazi ibridi in cui non solo persone ma anche dispositivi e oggetti oscillano tra luoghi fisici e luoghi della Rete; in cui le dimensioni spaziali e temporali assumono nuovi valori, non più soltanto quello legato alla descrizione del territorio, delle sue caratteristiche naturali e delle attività antropiche.

In questo contesto complesso, dai molti e diversi stakeholder,  il GIM può trovare la sua collocazione più ambiziosa e proficua, per contribuire all’evoluzione del management dei dati geografici, sempre più basato su infrastrutture di dati interconnesse, secondo modelli distribuiti e smart, cioè efficienti per la produzione e per l’uso razionale dei dati geografici stessi.

Questa immagine un po’ visionaria può offrire forse spunti per raccogliere idee utili per promuovere il coinvolgimento del GIM all’interno dei processi delle smart communities. L’ozio agostano può stimolare la fantasia: ogni suggerimento sarà benvenuto!

Serene vacanze a tutti! 

Sergio Farruggia

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

Sorry, comments for this entry are closed at this time.


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.