31 luglio, 2015 | di in » Strumenti

Il 18 giugno 2015 è stata rilasciata la versione 2.0.0 di GDAL/OGR. Una delle novità è legata a un nuovo driver di OGR “Catalog Service for the Web (CSW)”, che consente di accedere a cataloghi di risorse cartografiche esposti sul web.

La sintassi di base per leggere le informazioni da queste fonti è:

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http//catalogo.it/csw

L’utility di riferimento è ogrinfo, e sono a disposizione quindi tutte le altre opzioni del comando.

I cataloghi CSW sono un po’ come quei cassetti pieni di calzini in cui, in occasione di una importante ricorrenza, cerchiamo quelli lilla a pois bianchi (sono an pendant con l’ultima nostra meravigliosa giacca), ma per troppa abbondanza e varietà non riusciremo mai a trovare. Bisogna anche saper cercare :)

OGR è l’ultimo arrivato tra gli strumenti di accesso e ricerca. Ecco qualche semplice esempio, basato sul catalogo del Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali (RNDT).

Avere l’elenco di tutti i record del server

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http://www.rndt.gov.it/RNDT/CSW -oo MAX_RECORDS=100

Sul catalogo RNDT sono presenti più di 17000 record, quindi la risposta al comando sarà “lunga”. L’opzione MAX_RECORDS fissa il numero massimo di record che è possibile ricevere ciclicamente durante una chiamata. Nell’esempio di sopra, per 17000 record quindi 170 cicli, ognuno composto da 100 record di output.

Tutti i record all’interno di una determinata area

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http://www.rndt.gov.it/RNDT/CSW -spat 12 35 15 38 -oo MAX_RECORDS=100

Ogni record di un catalogo CSW è associato ad un’estensione geografica. Inserendo il parametro -spat si impostano le coordinate del boundig box (xmin ymin xmax ymax, in EPSG:4326) all’interno del quale si vuole eseguire la ricerca: in risposta si avranno tutti i record ricadenti in quell’area.

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http://www.rndt.gov.it/RNDT/CSW -where \"abstract LIKE '%geologia%'\" -oo MAX_RECORDS=100

In questo modo si cercheranno tutti i record che contengono la parola “geologia” nel campo “abstract”. Ad oggi sono 31.

2015-07-31_11h57_06

Gli altri campi che è possibile sfruttare per fare ricerche sono:

  • identifier (String)
  • other_identifiers (StringList)
  • type (String)
  • subject (String)
  • other_subjects (StringList)
  • references (String)
  • other_references (StringList)
  • modified (String)
  • abstract (String)
  • date (String)
  • language (String)
  • rights (String)
  • format (String)
  • other_formats (StringList)
  • creator (String)
  • source (String)

Tutti i record che contengono una determinata stringa in un campo qualsiasi

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http://www.rndt.gov.it/RNDT/CSW -where \"anytext LIKE '%frane%'\" -oo MAX_RECORDS=100

La stringa cercata è “frane”, e si ottengono 52 record.

Tutti i record della ricerca precedente ma in formato ISO 19115/19119

ogrinfo -ro -al -noextent CSW:http://www.rndt.gov.it/RNDT/CSW -where \"anytext LIKE '%frane%'\" -oo OUTPUT_SCHEMA=gmd -oo MAX_RECORDS=100

L’output in questo caso è secondo lo schema descritto qui http://www.isotc211.org/2005/gmd. Se invece si scrive OUTPUT_SCHEMA=csw, sarà secondo queste specifiche http://www.opengis.net/cat/csw/2.0.2.


Tutte le altre novità su GDAL/OGR 2.0.0 le trovate sintetizzate nel post di Even Rouault e purtroppo il catalogo RNDT non è ancora nel registro INSPIRE! :(

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

2 Responses to “GDAL-OGR per accedere a cataloghi geografici (CSW)”

  1. By capooti on lug 31, 2015

    bello! :)
    Per i pythonisti si possono otterere risultati simili, che consentono forse anche piu flessibilita, usando owslib:
    https://geopython.github.io/OWSLib/#csw

  2. By Andrea Borruso on lug 31, 2015

    Bello leggerti!

    Grazie Paolo

Sorry, comments for this entry are closed at this time.


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.