Archivio del mese di dicembre, 2012

24 dicembre, 2012 | di

Come molti ormai sanno già dalla scorsa estate, la prossima Conferenza INSPIRE si terrà a Firenze dal 23 al 27 giugno 2013, e da un paio di giorni sta circolando la call for contributions con alcuni dettagli sull’evento. Con questo breve articolo vogliamo dare semplicemente eco alla cosa, riprendendo in buona parte proprio il testo della call.


Il tema della Conferenza è “The Green Renaissance”, che tradotto in “Il Rinascimento Verde” francamente lascia un po’ perplessi. Il comitato organizzatore si è comunque ispirato proprio al movimento rinascimentale, che ha profondamente influenzato la vita intellettuale europea, facendo sentire la sua influenza nell’arte, nella letteratura, nella politica, la scienza, la religione. Analogamente la Direttiva INSPIRE vuole influenzare il modo in cui le informazioni per la gestione del nostro pianeta possono essere condivise e fruite.

L’obiettivo della Conferenza INSPIRE del 2013 è quello di fare un bilancio di questo progresso, scambiando opinioni ed esperienze e su come INSPIRE sta affrontando le sfide passate e le esigenze emergenti, per individuare nuove opportunità e riflettere collettivamente su come potrà evolvere ulteriormente per massimizzare i benefici per la società.

Call per poster e contributi

La call invita a proporre poster e contributi nell’ambito dei tre “pilastri” che il comitato ha individuato, ovvero “Showcase on Environment”, “Capacities” e “Networking”, ciascuno dei quali a sua volta comprende ulteriori topic:

  • Showcase on Environment
    • Transport
    • Natural disasters
    • Environmental Protection and Historical Landscape
    • Forestry
    • Environmental impact assessment
    • Integrated spatial assessments
    • Population and eco-systems
    • Land Monitoring
  • Capacities
    • Earth Observation (Copenicus [GMES], “GEOSS”..)
    • Lessons learnt and best practice
    • Costs and Benefits of implementing INSPIRE
    • Green economy
    • Public and Private Sector partnerships
    • Technologies required to deliver INSPIRE
    • Multi-disciplinary e-infrastructures
    • Cloud computing
    • Sensors and Sensor web
    • Citizen science/crowd sourcing
    • Linked data and semantic web
    • Capacity Building
  • Networking
    • EU Enlargement and Integration
    • EU Location Framework
    • EU Committee of the Regions
    • UN GGIM
    • National and regional initiatives
    • Cross thematic networking
    • eGovernment
    • Open data
    • Greening the information society

E’ inoltre possibile presentare contributi per l’edizione speciale del Internationa Journal of Spatial Data Infrastructure Research (IJSDIR), il termine ultimo per la presentazione del paper completo è il 31 maggio 2013.

Call per workshop

I workshop pre-conferenza si svolgeranno il 23 e 24 giugno, ogni laboratorio o tutorial può essere proposto per una singola sessione di 90 minuti. Il tipico partecipante alla conferenza si registra a massimo quattro workshop e tutorial da 90 minuti durante una singola giornata di seminario. Per tutti i partecipanti alla conferenza, workshop e i tutorial saranno aperti senza alcun costo aggiuntivo, mentre è prevista una tariffa giornaliera per coloro che vorranno frequentare solo i workshop. Chi è interessato a presentare una proposta di workshop o tutorial trova indicazioni specifiche sul sito web della Conferenza.

La deadline per presentare sia paper che workshop è il 1 marzo 2013, mentre per i poster il 29 marzo 2013.

Ultime novità riguardo le specifiche tecniche

Il comitato ci ricorda inoltre che il team del JRC sulle specifiche tecniche e i Thematic Working Group (TWG) stanno lavorando duro per finalizzare la versione 3.0rc3 (release candidate 3) delle specifiche dati dei temi compresi negli Allegati II e III della direttiva INSPIRE.

Questa versione sarà consistente con le bozze di emendamenti alle Implementing Rules per l’interoperabilità dei dataset spaziali e dei servizi attualmente in via di traduzione. I modelli dati corrispondenti e gli schemi xml sono stati già pubblicati (link) mentre le linee guida verranno rilasciate l’anno prossimo, man mano che saranno disponibili. Sarà utile tenere sotto controllo il sito web dedicato agli ultimi documenti (link).

La comunicazione

Noi di TANTO siamo particolarmente attenti agli aspetti della comunicazione che riguardano gli eventi della geomatica, e teniamo a sottolineare che l’hashtag lanciato da @INSPIRE_EU (l’account Twitter ufficiale di INSPIRE) è #inspireeu2013. Esiste anche un account INSPIRE su Storify, che ha raccolto un po’ di tweet e altro materiale riguardante la Conferenza 2012 tenutasi a Istanbul, date un’occhiata qui. Speriamo di poter contribuire attivamente anche noi il prossimo giugno a Firenze.

21 dicembre, 2012 | di

Auguri di buone feste da tutta la redazione di TANTO!!

11 dicembre, 2012 | di

All’inizio di novembre mi arrivo’ una comunicazione riguardante il rilascio di SpatiaLite per Android. Il mittente era Sandro Furieri, ben noto per essere il padre di SpatiaLite, nonché il presidente di GFOSS.

Era un periodo tutt’altro che ideale, stavo faticando a preparare la presentazione per il GFOSS day, che si sarebbe tenuto solo pochi giorni dopo.

Ma considerato che la mia presentazione avrebbe tentato di fare una sorta di cronologia del mercato mobile e il punto riguardo alla questione Android e GFOSS, non potevo ignorare una questione che ritengo cambierà le sorti dello spatial sul mobile. Quindi passai qualche notte a integrare SpatiaLite in Geopaparazzi.

Durante la presentazione  che diedi alla conferenza:

mostrai solo una schermata nella quale Geopaparazzi dialogava con papà Furieri, chiedendogli delle trasformazioni di coordinate (si veda slide 50).

Ma da quel momento in poi non sono più riuscito a smettere di pensare al formato raster+vettoriale per lo scambio di dati fra sistemi operativi e dispositivi diversi.

Con SpatiaLite sarebbe stato finalmente possibile visualizzare nelle mappe di Geopaparazzi non solo punti e linee semplici, ma anche poligoni e grandi set di dati. Gli indici spaziali sarebbero stati d’aiuto, ne ero sicuro.

Quindi iniziammo ad implementare un nuovo piano in Geopaparazzi: il piano dei dati di tipo SpatiaLite.

E i primi risultati, usando i dati del progetto Natural Earth erano promettenti:

Natural Earth in Geopaparazzi

Natural Earth in Geopaparazzi

 

In itinere producemmo anche un breve tutorial per sviluppatori che volessero cimentarsi. Lo potete trovare qui.

Testammo la nuova versione su diversi dispositivi e in campo per un lavoro nelle paludi finlandesi, mentre validavamo i limiti dei bacini estratti durante le analisi idrolo-geomorfologiche. E visto che funziono’ cosi’ bene, decidemmo di rilasciare la versione, anche se non la si può ancora definire ottimizzata.

La seguente schermata mostra la sovrapposizione di una mappa di orienteering finlandese con i risultati delle analisi idrologiche: i limiti del bacino e i corsi d’acqua vecchi, nuovi e quelli estratti:

Mappe raster e vettoriali finlandesi

Mappe raster e vettoriali finlandesi

Avete notato la nuova icona sotto le icone di zoom? Quello e’ il pulsante per interrogare i dati. E’ possibile tracciare un rettangolo con le dita e l’applicazione mostra gli attributi degli oggetti compresi:

Interrogazione degli attributi su dati vettoriali

Interrogazione degli attributi su dati vettoriali

 

Questo ovviamente apre un nuovo mondo per Geopaparazzi ma in generale per lo sviluppo mobile geospaziale.

Un ringraziamento speciale va a Sandro per l’aiuto con l’ottimizzazione delle query spaziali e il supporto nello sviluppo praticamente in tempo reale.

Questa indubbiamente e’ la novità maggiore di Geopaparazzi 3.4.0, ma in realtà ve ne e’ una seconda abbastanza importante. In questa release e’ supportata anche la lettura di tag RFID via tecnologia NFC oppure bluetooth. La funzionalità e’ stata esposta all’utente all’interno delle schede personalizzate:

Scheda di rilevamento di tag RFID

Scheda di rilevamento di tag RFID

E’ possibile inserire nelle schede un pulsante per la lettura del tag. Premendo il pulsante, si apre la schermata di scansione:

Schermata di scansione tag RFID via NFC oppure bluetooth

Schermata di scansione tag RFID via NFC oppure bluetooth

E’ possibile leggere i tag RFID sia attraverso la funzionalità NFC del dispositivo, ma anche attraverso antenne esterne collegate via bluetooth.

Una volta che l’id del tag e’ stato letto, il campo della scheda verrà compilato.

 

Una nota dolente dell’aggiunta di Spatialite deriva dal fatto che il pacchetto Geopaparazzi cresce da meno di 2 megabyte a più o meno 9 megabyte. Non abbiamo dubbi riguardo al fatto che tutti gli utenti saranno comunque contenti, vista la fantastica aggiunta.

Credo sia tutto per questa release. Speriamo possiate apprezzarla!

E’ possibile scaricare Geopaparazzi da:


Android app on Google Play

 

la documentazione utente per questa versione e’ disponibile nel WIKI del sito principale.

 

 


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.