3 maggio, 2010 | di in » News

“I vostri dati fanno schifo” di Pietro Blu Giandonato è caduto a fagiolo proprio mentre stavo riflettendo su come concludere il mio intervento inserito in scaletta al convegno ”La condivisione dei dati geografici in Europa”. Troverete tutte le informazioni riguardanti questa iniziativa  sul sito istituzionale del progetto GIS4EU, qui. Da questo indirizzo  si può inoltre accedere ai documenti riguardanti l’attività svolta.

Ipotizzo che il lettore interessato sia andato a dare una sbirciatina sul sito ed abbia letto di cosa si è occupato questo progetto. Per i più pigri traduco così: “Proviamo a vedere cosa significa e cosa comporta applicare le regole della direttiva INSPIRE ai dataset esistenti”.

Ciò premesso, posso entrare nel merito dell’argomento che mi era stato affidato, cioè la prospettiva degli utenti sulle SDI: dall’analisi delle esigenze all’utilizzo dei risultati.

GIS4EU WP9-2 Genova Conclusioni1In sintesi, si è trattato di esporre  i risultati di due analisi effettuate nel corso del progetto. La  prima ha riguardato l’individuazione dei bisogni degli utenti di un’Infrastruttura di Dati Territoriali, lavoro svolto nella fase iniziale del progetto. La seconda indagine ha inteso raccogliere informazioni relative all’impatto dei risultati del progetto, coinvolgendo i partner con un ruolo di produttori e fornitori di geodati, ovvero gestori di una SDI.

Ho riassunto l’esito di queste indagini nella slide riportata qui a fianco. Per quanto riguarda i bisogni degli utenti di una SDI, oltre alle esigenze di carattere tecnico (requisiti di standardizzazione e armonizzazione dei dati nonché indicazioni per migliorare i servizi di fruizione dei dati stessi) sono emerse esigenze non tecniche, come il miglioramento delle modalità di comunicazione e di dialogo tra data provider e utenti, la riduzione dei vincoli per l’accesso ai dati, il miglioramento della gestione dei metadati, l’aggiornamento più frequente dei dati, politiche di accesso (licenze e prezzi) ai dati minori (in numero) e più chiare.  E’ stata anche indicata la necessità di debellare il digital divide esistente all’interno delle pubbliche amministrazioni tra addetti ai lavori e chi ha ruoli di decision maker. Risultato in qualche modo scontato: i limiti segnalati contribuiscono a penalizzare i contenuti di origine pubblica ed il loro impiego per tante applicazioni consumer, ma non solo.

Meno prevedibile il risultato della valutazione che i data provider coinvolti in GIS4EU hanno espresso nei confronti dell’esperienza sviluppata e dei risultati conseguiti. In generale, la metodologia individuata per rendere fruibili i propri dataset secondo le regole INSPIRE è ritenuta adeguata allo scopo. Sussistono sicuramente problematiche legate ai costi della sua applicazione, in particolare, costi da sostenere per la formazione del personale (ad es. per fare propria la complessa documentazione tecnica e mantenersi aggiornati) e per adeguamenti organizzativi: ma è anche ragionevole supporre che questi decresceranno nel tempo, potendo anche immaginare una sempre maggiore diffusione, assimilazione e condivisione delle conoscenze essenziali nel mondo della geomatica. E’ stato certamente incoraggiante –rispetto al punto di vista degli utenti- rilevare che il processo GIS4EU è ritenuto utile per favorire la fruibilità dei dati, soprattutto grazie al miglioramento della compatibilità tra dataset, alla disponibilità di data model ed al salto di qualità nella possibilità di condividere fonti di origine differente. I tecnici interpellati, sollecitati a fornire indicazioni sugli effetti dell’esperienza acquisita secondo diversi aspetti (rispetto alle ricadute operative per le organizzazioni, al valore sociale, a quello strategico e politico), hanno comunque  sempre rimarcato –tra i diversi motivi di miglioramento indotti da GIS4EU-  la capacità di comunicazione e l’adozione di modalità di collaborazione in rete.

In conclusione: i risultati di GIS4EU possono concorre a soddisfare i bisogni degli utenti delle SDI.  Quindi, come evitare che questo risultato si dissolva, come valorizzare l’esperienza acquisita?

E’ stato chiesto ai Data Provider di esprimersi anche riguardo ad una disponibilità per assistere eventuali SDI interessate ad applicare il processo GIS4EU ai propri dataset. L’esito è stato tradotto in termini di “visione”, utile per orientare le persone coinvolte e per comunicare questo proposito anche a progetto terminato.

GIS4EU WP9-2 Genova Conclusioni2L’obiettivo dei partner è quello di  “Supportare la più attiva ed efficiente cooperazione tra i fornitori di geodataset, gli enti cartografici e altri gestori di dati geografici, nonché per offrire proposte e fornire piani per sostenere la rapida creazione di un’infrastruttura armonizzata di dati geografici europea”.

Ma sarà raggiunto questo obiettivo?  Certamente i dati e l’informazione geografica sono di grande interesse, nei più diversi campi, e i produttori di GIS4EU WP9-2 Genova Conclusioni4dati sono un riferimento indispensabile per tanti operatori … e sulla Rete si trovano tanti dati … ma… Ecco, qui Pietro Blu mi è venuto in aiuto: segnala l’avvertimento di Paul Ramsey di OpenGeo recentemente lanciato al congresso Where2.0.

Già, crediamo alle mappe e spesso le prendiamo come oro colato. Attraverso di esse produciamo altre informazioni, senza prendere alcuna precauzione. La conclusione di Ramsey è perentoria: “Produttori  di dati controllate se e perché i vostri dati ‘fanno schifo’ e ditelo ai vostri utenti”.

L’impegno profuso durante questo biennio da tanti esperti GI, di SDI nazionali, regionali e  locali, di diverse nazioni europee può essere raccolto per affermare: “I nostri dati saranno affidabili!”.

Perché prima dell’avvento del computer, il mercato “mapping” aveva caratteristiche affatto differenti ed al prodotto cartaceo si poteva anche perdonare d’invecchiare per anni prima di essere sostituito da una nuova edizione. Non è più così. Ma il mutamento del contesto comporta anche nuovi problemi: Ramsey dixit! Soprattutto: nessun ente cartografico o sistema informativo geografico può ormai lavorare da solo!

Per il settore pubblico questa è un’opportunità da cogliere al volo. Quanto ho imparato partecipando a questo progetto e quanto ho ascoltato dai GIS4EU WP9-2 Genova Conclusioni5relatori dell’incontro genovese va proprio nella direzione che segnalavo di ritorno dalla Global SDI Conference di Rotterdam, l’anno passato:  “Le SDI nascono e stanno crescendo più rapidamente, armoniosamente ed hanno maggior successo -cioè soddisfano i bisogni degli utenti (e sono loro a dichiararlo!)- dove è maggiore l’attitudine alla collaborazione, la cooperazione tra istituzioni”.

Non si può, non si deve interrompere la strada intrapresa.

Un cammino che dovrà essere percorso insieme: da soggetti pubblici, privati, del mondo della ricerca, come GIS4EU ha dimostrato. Valorizzando le comunità e le aggregazioni di singoli, come stiamo imparando nel word wide web.

D’altro canto –mi son chiesto- perché  il direttore di OSGeo si è scatenato con un intervento “a gamba tesa” nell’arena più eterodossa ma anche più creativa della comunità IG internazionale?

Posso sbagliarmi, ma credo che ci sia lo zampino di questa norma:  Open Government Directive (OGD, 12/2009). Le parole d’ordine su cui si basa sono:  trasparenza, partecipazione e collaborazione (anche in Italia s’inizia a parlarne: a me, per esempio, è piaciuto questo). Mi pare che la “provocazione”  di Paul voglia andare a parare lì, come dire: “Il futuro è l’OGD ed io ho la soluzione per aiutarvi ad implementare i suoi principi”.  Leggo appunto, visitando il sito di OpenGeo, che propongono una soluzione per aiutare l’implementazione di questi tre principi: “OpenGeo Suite software is standards compliant, fostering collaboration that encourages partnerships and promotes cooperation within the Federal Government, across levels of government, and between governments and private institutions”. Questa è l’evoluzione dell’Open Source: TANTO se n’è interessato qui. Cioè si avvera quanto scriveva T. L. Friedman (Il Mondo è Piatto, Mondadori 2006, pag. 116) soltanto pochi anni fa: “Con  il tempo, vedremo emergere un nuovo equilibrio all’interno del quale tutte le differenti forme di software troveranno la propria collocazione: il tradizionale software commerciale, in stile Microsoft o SAP, insieme al modello Business web del software in affitto, in stile Salesforce.com, e al software libero prodotto o da comunità finanziate o da individui ispirati”.

Le SDI saranno conformi ai principi dell’Open Government Directive; formeranno reti cooperative di SDI, sapranno essere aggregatrici di conoscenze e competenze, guarderanno alla tecnologia come contenitore di soluzioni per le proprie esigenze e i propri obiettivi, senza preconcetti “ideologici”, consapevoli della complessità sempre crescente e dei ritmi di obsolescenza a cui sono soggette. E’ per questo che garantiranno dati affidabili.

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

4 Responses to “I nostri dati saranno affidabili!”

  1. By Pietro Blu Giandonato on mag 3, 2010

    Hai ragione da vendere Sergio… è necessario che il lavoro fatto con GIS4EU non si dissolva.

    Ora più che mai. Ora che l’Italia ha recepito la Direttiva INSPIRE, nel bene e nel male. Ora è il momento di stare addosso alla PA, per fargli capire che questa è un’opportunità, non l’ennesima “legge alla quale attenersi”. Ora è il momento di stimolare i soggetti privati, i cosiddetti System Integrator, a offrire soluzioni realmente standard, aperte in tutti i sensi. Ora è il momento di capire che l’OS non si contrappone ai prodotti commerciali, ma che questi possono e devono integrarsi. E proprio OpenGeo ne è un esempio.

    Insomma, c’è tanta di quella roba sulla quale si può lavorare, che abbiamo solo l’imbarazzo della scelta.

    Ad maiora!

    PS mi piace moltissimo il titolo che hai scelto per il tuo articolo, assieme al mio breve post sono le questioni sulle quali si gioca tutta la partita… ;)

  2. By Vittorio Paola on mag 20, 2010

    Buongiorno

    Da Delegato per la regione siciliana ho partecipato ad alcuni tavoli di GIS4eu …. devo dissentire da quanto dici, lo spirito è un altro e devo dire che a costruire questo processo di applicazione della Direttiva INSPIRE concorrono i maggiori esperti mondiali della scenario che fa riferimento ai GIS. Scusate scrivo queste poche cose dal forum pa dove mi trovo adesso e non ho molto tempo ma se siete interessati possiamo sentirci nei prossimi giorni per puntualizzare meglio…
    Grazie
    Vittorio Paola

  3. By Sergio Farruggia on mag 20, 2010

    Caro Vittorio,
    un dissenziente m’interessa assai e credo possa interessare anche i lettori di TANTO. Quindi aspetto il tuo punto di vista su GIS4EU ed i tuoi contributi per una proficua discussione (e spero che non resti un dialogo “a due”).
    A proposito, sei al FORUM PA… che aria tira? Perché non ci racconti qualche tua impressioni sull’evento, sulle cose che hai ascoltato? Si parla di Geographic Information?
    A presto, Sergio

  4. By vittorio Paola on mag 24, 2010

    Ciao Sergio
    Dissenziente con Tanto e i suoi autori ?
    Difficile, a mio avviso uno dei blog italiani più professionali su internet…
    Diciamo che ho un diverso punto di vista su alcune cose avendo assistito in
    diretta ad alcuni “parti” all’interno dei tavoli tecnici diGis4Eu… ti
    racconterò a breve.
    Adesso stiamo preparando l’ intervento a Cork come Andrea a carinamente
    riportato sul Blog, e siamo tutti incasinati ma due minuti per scivere due
    impressioni sul Forum (ci sono starto tre gg) le trovo prometto ok ?
    Ciao un caro saluto
    Vittorio

Lascia un commento

Tag html consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


− 1 = 8


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.