Archivio del mese di febbraio, 2010

18 febbraio, 2010 | di

Ricevo da Claudio Schifani la comunicazione sottostante  di Alessandro Sgambati,  che pubblico con molto piacere, ma anche con un po’ di sensi di colpa: in questo blog infatti non abbiamo (credo) mai parlato di gvSIG. E’ avvenuto per la semplice ragione che noi autori, senza alcuna ragione particolare, non lo usiamo nella vita professionale di ogni giorno (Excusatio non petita, accusatio manifesta??). Speriamo che questo possa essere il primo di altri post (credo che fischieranno le orecchie a qualcuno).

Il 13 e 14 aprile 2010 si svolgerà a Trieste il terzo incontro  degli utilizzatori di gvSIG.

Tutte le informazioni sono disponibili all’indirizzo:

http://www.gvsig.org/web/community/events/trieste/2010/

Le terze Giornate triestine sono organizzate dall’Ispettorato Ripartimentale Foreste di Trieste e Gorizia, dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Trieste, dal Comune di San Dorligo della Valle – Obcina Dolina e dall’ Ente forestale sloveno Ufficio di Sežana (Zavod za gozdove Slovenije, OE Sežana).
È prevista la partecipazione degli esperti dell’Asociación gvSIG che illustreranno le novità delle versioni per scrivania 1.9 e 2.0 e delle versioni 0.2 e 0.3 per palmare, rilasciate nel corso delle 5e Giornate, nel dicembre 2009 a Valencia.
Verranno presentate alcune esperienze di interesse locale, la comunità regionale IRDAT (Inspire), applicazioni riguardanti la Rete Natura2000, l’antincendio, l’urbanistica. Sono inoltre previste una serie di presentazioni di paesi vicini. Ci sarà una sezione dedicata al mondo di OpenStreetMap. Il programma è ancora in fase di definizione.

É già possibile iscriversi alle Giornate mediante la compilazione dell’apposito formulario.
Le iscrizioni sono gratuite.

Chi volesse proporre una propria presentazione relativa ad esperienze realizzate preferibilmente con gvSIG o con altro Open GIS, può inviare un riassunto (abstract) entro il 9 marzo 2010.
Le istruzioni su come redigere le presentazioni si possono consultare nella sezione Norme per le presentazioni.

Per il Comitato organizzatore
Alessandro Sgambati

gvSIG

14 febbraio, 2010 | di
Ho ricevuto questo contributo da Claudio Schifani e Giulio Di Chiara, e lo pubblico molto volentieri perché parla di temi a me molto vicini; sia in coordinate, che “con il cuore e con la mente”  :-D
Claudio ha “conosciuto” questo blog tempo fa per le imprevedibili vie del web, e ci siamo incontrati al GISDay (che ho contribuito ad organizzare) nel Novembre del 2009. E’ stato un incontro emozionante in cui mi ha fatto i complimenti per la giornata e per questo blog di cui mi prendo cura insieme ad Alessio, Antonio, Gerlando, Pietro e Sergio (presto delle new entry). Mi ha raccontato che per realizzare GeoMAPpalermo (il progetto di cui si parla in questo post) gli è stato utile leggere gli articoli di TANTO; queste cose sono tra quelle che mi danno più piacere e soddisfazione, e che conservo come “armi emotive segrete” da usare nei momenti di difficoltà.
Giulio l’ho conosciuto tramite Claudio. E’ uno dei creatori di Mobilita Palermo, “un comitato di sostegno verso quelle opere e progetti che possano incentivare lo sviluppo del capoluogo siciliano, con particolare attenzione al miglioramento della viabilità e della mobilità cittadina”. Anche con lui siamo prima “incontrati” digitalmente e poi per fortuna analogicamente. Con Giulio e Claudio ci siamo infatti riuniti attorno ad un tavolo, per cercare di fare insieme qualcosa per la nostra città, a partire dalle nostre professionalità. Abbiamo iniziato a discuterne e Giulio, oltre ad essere un cittadino che si spende per il bene della propria città, è energia pura  ;-) .

Mi fermo qui e vi auguro una piacevole lettura.

Il 27 ottobre scorso,
Mobilita Palermo” (http://www.mobilitapalermo.org), riconosciuto portale-blog su progetti, infrastrutture e mobilità nel capoluogo siciliano, in collaborazione con Claudio Schifani (Assegnista di ricerca presso lo IUAV di Venezia), ha pubblicato on line un nuovo servizio per la cittadinanza palermitana che desidera interagire e “dire la sua” in tema di mobilità urbana.

Presentazione

Mobilita Palermo è un comitato cittadino che nasce ufficialmente dalla rete, una collaborazione prima virtuale e in seguito tangibile tra persone che nutrono un profondo rispetto per la propria città, con un forte senso civico e voglia di cambiamento. Uno scopo importante del comitato è quello di monitorare l’avanzamento dei cantieri e “sollecitare” il rispetto delle tempistiche, segnalando un’eventuale cattiva gestione dei lavori o del denaro pubblico stanziato per gli stessi. Basando la sua mission sulla forza della community e sul “potere comunicativo” della rete, ha individuato Word Press come la soluzione 2.0 per aprirsi alla condivisione delle informazioni, collaborazione ed integrazione di tutti i cittadini interessati.

Claudio Schifani ha svolto una ricerca per l’Università IUAV di Venezia sul tema “Modelli di conoscenza e processi decisionali” presso la scuola di dottorato nel corso in Nuove Tecnologie Informazione Territoriale & Ambiente (http://www.didatticaericercasit.it). La ricerca si è inquadrata nello scenario ormai noto come “Web 2.0” in cui l’informazione geografica assume sempre più carattere di pervasività e di condivisione delle conoscenze, sia esse esperte che locali. Informazione geografica e web rappresentano le componenti del recente scenario caratterizzato dalla sinergia di tre parole chiave, ovvero: territorio/conoscenza/web. Tra i casi di studio analizzati nel corso dell’indagine c’è il progetto ideato e sviluppato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente e noto con il nome di “EyeOnEarth”. “Occhio sulla terra” evoca un’azione che è al contempo conoscitiva e collaborativa grazie all’obiettivo dichiarato d’integrazione delle conoscenze “esperte e scientifiche” (dati rilevati dalla EEA) e informazioni rilevate “dal basso”, ovvero dalla comunità che vive o conosce quei luoghi, il tutto aggregato con modalità di rating in interfaccia friendly. Ciò costituisce un’interessante rivoluzione culturale e metodologica che ci apre nuove strade per studiare ed approfondire lo sviluppo di quadri di conoscenza del territorio che siano non soltanto condivisi (Web), ma anche integrati (a livello di conoscenze).

Perché GeoMAPpalermo

L’iniziativa è nata e sviluppata totalmente dal basso (Comitato di Cittadini e non un Ente Istituzionale) e pone tra gli obiettivi quello di “testare” la sensibilità della comunità locale nel valutare gli interventi attuati o in programma, in tema di mobilità, da parte dell’Amministrazione Comunale.

Ecco cosa si legge nel Blog di Mobilita Palermo a proposito dello strumento “GeoMapPalermo”:

1

«Voi sarete la voce di Palermo, voi farete parlare la città. Dai vostri interventi sulla mappa, traspariranno le priorità, gli aspetti positivi e quelli negativi di Palermo. Il vostro intervento si traduce in una georeferenziazione, ovvero in un’etichetta localizzata all’interno di un areale di progetto presente sulla mappa, attraverso la quale potrete esprimere il vostro parere e fornire una breve motivazione, allargando così la conoscenza globale all’interno del “tessuto urbano”.»

Come

GeoMapPalermo è un servizio 2.0 in cui “l’immagine” del territorio ne costituisce il minimo comun denominatore attraverso cui veicolare una duplice informazione: da un lato i progetti urbani (restituiti come areali corredati da link, che puntano a informazioni dettagliate opportunamente aggiornate nel blog ), dall’altro i cittadini che esprimono una valutazione (da molto positiva a negativa). Ecco cosa si legge nel Blog di Mobilita Palermo a proposito dello strumento “GeoMapPalermo”:

GeoMapPalermo è un Mashup di Google Maps le cui mappe sono state scelte sia perché costituiscono un “linguaggio geografico” noto anche a soggetti non esperti sia perché TANTO è stato un eccellente “supporto didattico” con i suoi interessantissimi tutorial di implementazione di codice javascript con le mappe di Google. La piattaforma si basa sull’interazione tra un codice javascript per la consultazione ed inserimento di GeoTag e due script PHP per la connessione ad un DB in MySQL. Ciò che ha richiesto maggiore attenzione nello sviluppo dell’applicativo è stata la definizione della struttura dell’unica tabella presente nel DB che avrebbe raccolto le informazioni provenienti dalla comunità, al fine di rispettare lo schema logico delle connessioni tra i temi, i progetti, i soggetti e le valutazioni. La compilazione della scheda allegata a ciascun tag è, pertanto, guidata attraverso l’inserimento di valori preformattati che consentono la restituzione tematica delle informazioni in mappa.

Inoltre, è stato posto un importante “vincolo” (non a livello di codice ma di vidimazione del geotag da parte degli amministratori di Mobilita Palermo) di appartenenza ad un areale di progetto sul tema “Mobilità” ed in particolare: Tram, Parcheggi e Passante ferroviario.

2

Con questo strumento, Mobilita Palermo ha inteso perseguire gli obiettivi che si era posta per l’implementazione nel suo blog del nuovo servizio geografico 2.0: sensibilizzare l’opinione pubblica alla emergente cultura del territorio 2.0 – “territorio parlante” ed esprimere la volontà di testare un sistema di valutazione partecipata “bottom-up” sulle azioni di trasformazione della città. È interessante notare come nel primo mese di vita, la GeoMapPalermo abbia ricevuto oltre 40 geotag (alcuni dei quali sono stati rimossi perché non rispettavano il “vincolo” necessario alla loro accettazione) ed abbia incoraggiato il Comitato “Mobilita Palermo” ad interessarsi nel porre alcuni quesiti a Enti gestori e decisionali (in materia di mobilità) riguardo ad alcune segnalazioni emerse in mappa su questioni relative al progetto Tram ed alla gestione dei nuovi parcheggi urbani.

Un modo innovativo di affrontare tematiche a scala urbana e stimolare l’interesse collettivo sfruttando i moderni strumenti che internet mette a disposizione.

2 febbraio, 2010 | di

L’unità di tutte le scienze è trovata nella geografia. Il significato della geografia è che essa presenta la terra come la sede duratura delle occupazioni dell’uomo. (John Dewey)

Alle elementari avevo un maestro che insegnava geografia e che tirava giù una carta geografica del mondo davanti alla lavagna. Avevo un compagno di classe al sesto anno che un giorno ha alzato la mano e ha indicato la costa orientale del Sudamerica; poi ha indicato la costa occidentale dell’Africa e ha chiesto: «Sono state mai unite?». E il maestro ha risposto: «Certo che no, è una cosa ridicola!». Lo studente cominciò a fare uso di droghe e sparì. L’insegnante è diventato consigliere scientifico dell’attuale amministrazione (ndr Bush). (dal film documentario statunitense del 2006 “Una scomoda verità”, diretto da Davis Guggenheim).

Nella mia geografia ancora sta scritto che tra Catanzaro e il mare si trovano i Giardini delle Esperidi. (George Robert Gissing, da Sulle rive dello Jonio).

L’arma del giornalista è la penna o la macchina da scrivere. L’arma del giornalista sotto vetro smerigliato è la bacchetta o la carta geografica. (Sergio Saviane).

Lungo la costa dell’Africa del Sud-Ovest, delimitato da montagne di origine vulcanica da una parte e dall’Atlantico dall’altra, si stende uno dei più antichi e selvaggi deserti della terra. I geografi chiamano questa zona la Costa degli Scheletri, perché le sue spiagge sono disseminate dei relitti delle navi che vi hanno fatto naufragi. (Ronald Schiller da “Nel mondo dei diamanti”).

A partire dal settembre 2010, secondo le intenzioni del Governo ed in assenza di ulteriori sviluppi, dovrebbe prendere il via la riforma della scuola superiore.
In tal senso il Ministero della Pubblica Istruzione ha predisposto degli appositi siti web per comunicare la riforma dei Licei, degli Istituti Tecnici e dei Professionali.

Nell’intento di fornire una informazione chiara, trasparente e per quanto possibile completa, segnaliamo i tre DPR sopra menzionati appositamente recuperati dal sito del Senato e pubblicati su Scribd.

Da informazioni che abbiamo raccolto su internet, sappiamo che i quadri orario allegati ai suddetti DPR sono stati ulteriormente aggiornati la settimana scorsa, purtroppo in senso peggiorativo. La Gilda degli Insegnanti di Venezia ha messo a disposizione tali versioni “ufficiose” dei quadri orario per i Licei – che al 95% pare costituiranno le versioni definitive – oltre a delle note che aiutano a comprendere le modifiche introdotte.

Di seguito riteniamo utile riportare sinteticamente le cifre riguardanti la riduzione della Geografia alle scuole superiori, confrontando le ore attualmente insegnate con quelle previste dalla riforma Gelmini. Innanzitutto è utile ricordare come questa riorganizzi i Licei, i Tecnici e i Professionali, tentando di razionalizzare la pletora di sperimentazioni che sono state attivate grazie all’autonomia della quale godono le singole scuole. Intento meritorio certamente, ma difficilmente potrà sfuggire il reale obiettivo del Governo, ovvero la riduzione della spesa nella scuola mediante la drastica riduzione del monte ore di circa il 5% sul totale. Riduzione che ovviamente va a colpire alcune materie, tra queste la Geografia e le Scienze.

Per quanto riguarda i Licei, la situazione sembra in verità ancora molto confusa. Sul sito del Ministero i quadri orario del Classico, delle Scienze Umane e del Linguistico mantengono ancora la Geografia con 2 ore a settimana nel biennio, mentre quella ufficiosa diffusa dalla Gilda la vede accorpata alla Storia. Per lo Scientifico e tutti gli altri indirizzi invece l’accorpamento è cosa certa.
Questa operazione ridimensionerebbe dunque la Geografia dalle attuali 2 ore settimanali nel biennio a una condivisione con la Storia, a discrezione dell’insegnante.

La situazione diventa drammatica invece per gli Istituti Tecnici
, con una pressoché totale scomparsa della Geografia che non avrà il “paracadute” dell’accorpamento come accade nei Licei. Attualmente questa viene insegnata per 3 ore a settimana nel biennio degli Industriali e 6 e 4 ore rispettivamente nel biennio degli Aeronautici e Nautici, mentre sparirà totalmente nella riforma Gelmini.

Negli Istituti del settore Economico la Geografia viene attualmente insegnata per 6/8 ore nel triennio a seconda degli indirizzi dei Tecnici Commerciali e Turistici. La riforma Gelmini, invece, ne prevede 6 di ore nel biennio, più altrettante nel triennio dell’indirizzo Turismo. Apparentemente una situazione migliorativa, ma si tratta dei quadri orario ufficiali, non sappiamo cosa è previsto in quelli che sono stati modificati la settimana scorsa.

I love GeographyE’ in questo contesto che vogliamo segnalarvi l’appello in favore dell’insegnamento della geografia, che, se vorrete, potete sottoscrivere.

Non vogliamo convincere nessuno dell’importanza dell’insegnamento della geografia. Non è necessario.
Vogliamo parlare dello studio della geografia come disciplina che educa alla libertà.
Il cuore di questa materia non risiede nell’indicazione della superficie di uno Stato, nel tratto dei rilievi montuosi o nell’elencazione delle principali città.

Noi crediamo che il cuore dell’insegnamento della geografia risieda nelle danze dei Dervishi, nelle rotte letterarie tra Melville e Kerouak e nei viaggi dei grandi esploratori, nel comprendere come si evolva l’avanzata dei talebani nel nord del Pakistan ovvero di come sia cambiata nel tempo la dislocazione delle forze statunitensi in Iraq, nella musica ascoltata e suonata dai popoli, nelle immagini di luoghi remoti, ma anche quali siano i problemi del proprio quartiere.

Tutto questo vuol dire apprendere la geografia: una scienza che dalla morfologia terrestre giunge a disegnare i tratti dell’uomo che la abita.

Ed è per questo che l’importanza di questo appello non si risiede solo in un mero calcolo matematico delle ore da dedicare nelle scuole allo studio della geografia, ma anche nella qualità didattica dello studio di questa materia che apre gli orizzonti, è il caso di dire, degli studenti ed educa il loro cuore e la loro mente alla conoscenza del diverso, alla comprensione delle proprie origini e del proprio territorio, delle realtà sociali, economiche e politiche che ci circondano cui nessuno può dirsi estraneo se vuole vivere una esistenza libera e, perché no, anche avventurosa e coraggiosa, come ognuno di noi si augura essere la vita propria e dei propri figli.


Non siamo da soli, ma insieme a:


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.