1 giugno, 2009 | di in » Strumenti

Parliamo spesso di dati e geodati su TANTO, specie negli ultimi tempi. Non abbiamo forse mai parlato di cloud computing:

In informatica, con il termine cloud computing si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono l’utilizzo di risorse (storage, CPU) distribuite.

Si tratta di qualcosa nota sicuramente ai più, e con cui abbiamo a che fare ogni giorno navigando per il web: guardando le mappe di google o le foto su Flickr, un filmato su YouTube o un documento su Scribd. Quando accediamo ad uno di questi servizi, e visualizziamo ad esempio un filmato, non accediamo ad un singolo file, archiviato su un solo hard disk, su un unico server. E’ quasi sempre esattemente il contrario, diverse copie del file, archiviate su numerosi hard disk residenti su molti server.
In realtà è tutto molto più raffinato e spesso non si tratta nemmeno di server “veri”, ma virtuali e distribuiti. E’ un’esigenza sempre più sentita con l’aumentare delle dimensioni dei dati ed il diffondersi di applicazioni “remote”, non installate sul nostro pc.

IBM, Amazon, Google, Microsoft e Yahoo sono tra i più grossi fornitori di servizi di cloud computing. Chi non segue questo mondo, troverà strano trovare Amazon in questo elenco: “Ma non vendono libri???”
Al contrario, chi lo fa, sa che Amazon offre da tempo questi servizi, e con grande qualità.

Quello che io non sapevo era che, oltre ad offrire servizi per realizzare applicazioni di cloud computing, avesse un catalogo di dati pubblici da utilizzare all’interno delle loro applicazioni, e che tra questi ci fosse l’intero catalogo dei dati TIGER degli Stati Uniti. 140 GB di geodati già pubblici (limiti amministrativi, strade, fiumi, costruzioni, etc.) in formato shapefile, che sono anche la base di OpenStreetMap negli USA, accessibili come un disco fisso virtuale, tramite un server virtuale. Tutto chiaro? Non credo, devo aggiungere qualche altro dettaglio.

Il servizio di Amazon per attivare questo disco virtuale di dati si chiama Elastic Block Store (EBS). EBS consente di creare volumi da 1 GB ad 1 TB che possono essere montati (a cui accedere) da un’instanza di un altro servizio fornito da Amazon: Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2). Se EBS è un disco virtuale, EC2 è un server virtuale (Linux, Windows e OpenSolaris).  In questo modo potrò sviluppare su un server di mia scelta e comodamente, la mia applicazione di webmapping. “Virtualmente” dal punto di vista dell’implementazione tecnologica, ma con molta sostanza nell’erogazione del servizio.

Il servizio non è gratuito, ma sono soldi ben spesi, specie per progetti di grosse dimensioni: risparmierete costi interni e fronteggerete con tranquillità inaspettati successi della vostra applicazione, ed il conseguente “carico” sui vostri server. Non è un servizio “per tutti”, e richiede più di una buona preparazione di base da sistemista.

Detto di questi due “difetti”, io sono rimasto molto colpito dalle opportunità che queste tecnologie e questa “mentalità” potrebbero dare ad esempio a chi sviluppa grosse (e non) applicazioni spaziali sul web. Il condizionale è legato essenzialmente ai geodati: in Italia non esistono ancora dati di dominio pubblico della stessa qualità e con la stessa copertura dei dati TIGER. Il male è che non esistano in generale; non è infatti  così importante che non ci siano dati italiani tra i dati pubblici disponibili su Amazon. Se ci fossero, basterebbe soltanto avere delle buone idee ed una buona preparazione, ma non ci sono ed in qualche modo abbiamo un po’ le ali tarpate. Mi fermo con la predica.

Chiudo segnalandovi due video che introducono al mondo del cloud computing:

via Institute for Analytic Journalism

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

3 Responses to “Geodati e cloud computing”

  1. By Pietro Blu Giandonato on giu 1, 2009

    Grazie Andy per aver lanciato sul tavolo l’attenzione per un settore che anche a me stuzzica l’intelletto da parecchio: il cloud computing applicato ai geodati.

    Da anni presto l’idle time delle mie macchine sparse qua è là ai progetti BOINC, e tutti conveniamo ormai sul fatto che il web 3.0 non potrà prescindere dal cloud computing.

    Riguardo il punto debole di tutta la questione sull’applicabilità in Italia di CC+geodati, ovvero la reale disponibilità di dati spaziali liberi, standard e omogenei per lo meno a scala comunale, io mi sento di fare un “propostone”.

    Inviterei tutti coloro che hanno contatti con Enti Locali che hanno realizzato geodatabase sostanzialmente accessibili senza problemi di copyright, di provare a ipotizzare progetti volti all’utilizzo di questi dati mediante piattaforme stile Amazon.

    Io cercherò di farlo in Puglia, visto che la mia Regione si è dotata di un notevole set di geodati aggiornati, completi e soprattutto standard…

    Chi ci sta?

    Ad maiora!

  2. By Massimo Zotti on giu 3, 2009

    Il “propostone” mi stuzzica. Sarebbe interessante proporre questo progetto a qualcuno dei nostri clienti a livello nazionale, ce ne sono alcuni che sono molto sensibili rispetto a queste tematiche per fortuna. Vi terrò aggiornati.

  3. By Andrea Borruso on giu 3, 2009

    Cari Pietro e Massimo,
    è bello vedere come vi siate “attivati” subito.
    Leggere il post da cui ho appreso la notizia, ha dato la scossa anche a me.
    Io sto approfondendo la tematica ed è ormai il “mio” filone di indagine del 2009. Sto raccogliendo il materiale per produrre un documento di sintesi, che potrebbe essere utile per stimolare sia i sensibili che i non ;-) .
    Non so darvi dei tempi, ma ho cose “buone” tra le mani.
    Ovviamente vi terrò aggiornati.

    Se il “propostone” dovesse fare qualche piccolo passo avanti, mi piacerebbe che ne lasciaste traccia qui.

    Un caro saluto,

    a

Lascia un commento

Tag html consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


5 + 8 =


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.