9 febbraio, 2009 | di in » News

Flickr, uno dei più famosi archivi fotografici online (definizione restrittiva), è uno dei luoghi dove ho maggiormente riscontrato nel tempo la voglia di “fare” innovazione. Parlo di web semantico, geotagging, folksonomy, metainformazioni, rss e georss, mashup, interoperabilità, web sociale, progettazione di interfaccia, etc.. E’ stato per me spesso un punto di partenza, uno stimolo intellettuale, una scintilla emotiva (ok, mi fermo).

Oggi a conferma di quanto detto, gli sviluppatori di Flickr hanno introdotto il concetto di “vicino” – nearby – in questo fantastico catalogo. Per noi appassionati di sistemi informativi geografici, è un concetto “forte” e debole nello stesso tempo, perché fortemente dipendente dal contesto e non necessariamente riducibile ad una misura.

Recentemente sono stato a Modena, ho fatto delle foto, ed ovviamente le ho geotaggate. Una delle foto fatte, è raggiungibile a questo URL:

Che foto sono state fate nei dintorni nell’ultimo mese? Aggiungerò la parola “nearby” nell’URL:

Posso anche modificare i filtri di ricerca, rimuovere quello legato al tempo, e vedere tutte le foto fatte nella stessa zona ordinate per interestingness (un parametro che in flickr misura la qualità della foto):

filtri presenti nella modalità nearby di flickr

Potrete pure partire da una coppia di coordinate a voi nota, e cercare nearby:

Potrete anche convertire la coppia di coordinate in una stringa di otto caratteri, utilizzando il Geohash:

Se volete seguire gli sviluppatori di Flickr, questo è il loro Blog.

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

Lascia un commento

Tag html consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


5 × = 30


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.