Archivio del mese di febbraio, 2008

20 febbraio, 2008 | di

La Microsoft ha rilasciato da qualche giorno una nuova tecnologia per eseguire complesse operazioni di geocoding. L’aspetto a mio avviso più interessante è il fatto che sia basata su algoritmi di intelligenza artificiale. Non vi resta che pensare alla Tasmania e guardare il filmato.

Il filmato mi piace molto, e mi scuso per la mancanza di serietà. Sono molto sensibile per ora a questi esserini, che spesso mostrano superpoteri.

Il tutto mi fa pensare anche alle lacune di geografia diffuse a tutti i livelli di cultura e di età. Che bello quando leggendo un romanzo, riusciamo a seguire il nostro eroe lungo il fiume Giallo. La conoscenza dei luoghi è una ricchezza.

12 febbraio, 2008 | di

E’ con tanto piacere ed entusiasmo che do notizia dell’uscita di GeoServer 1.6.0.

Queste le novità principali:

  • un grosso aumento di performance nelle renderizzazione di mappe tramite WMS
  • supporto per il versioning: sarà possibile modificare dati spaziali come dentro un wiki, e mantenere le varie versioni modificate dai vari utenti nel tempo. Il versioning è possibile al momento soltanto con PostGIS come base dati. Due demo qui e qui
  • supporto per WFS  1.1
  • aggiunta di un sistema di gestione della sicurezza basato su Acegi con la possibilità di gestire ruoli
  • migliore integrazione con Google Maps/Virtual Earth/Yahoo! Maps
  • migliore integrazione con OpenLayers
  • possibilità di modificare via web un database ArcSDE tramite OpenLayers
  • erogazione di dati in modalità di Cascading WFS e Component WMS

Da qui il download.

6 febbraio, 2008 | di

Le due cose non hanno alcuna relazione, questo è il classico post di segnalazioni “sparse”.

La prima riguarda la città di Merano. Non è una notizia freschissima, ma ne sono venuto a conoscenza ieri: il comune di Merano ha reso pubblici i propri dati stradali vettoriali, e questi sono stati integrati nel progetto OpenStreetMap. Un grazie va a Cristiano Giovando che si è occupato dell’import dei dati vettoriali e a Christopher Schmidt che ha elaborato le raster di base. La città di Merano – come leggo su Brain Off – è libera.

La seconda riguarda la NASA, ed è freschissima. Sono stati resi pubblici i DTM di Marte raccolti con  la “Mars Express High Resolution Stereo Camera (HRSC)”. I dati sono disponibili qui:

5 febbraio, 2008 | di

TatukGIS viewer è una delle più piacevoli scoperte software fatte di recente, ed ancora non finisce di stupirmi. Si tratta probabilmente del miglior GIS viewer gratuito per windows, in termini di funzioni, flessibilità d’uso e performance.

Noi lo usiamo molto in ufficio soprattutto per dare un rapido sguardo a nuovi dati ricevuti in (quasi) qualsiasi formato GIS, o per aprire al volo un vecchio file d’archivio. E’ molto comodo per leggere rapidamente file raster compressi (ECW/ECWP, MrSID, JPEG2000), senza passare da procedure di import e/o conversione.

Utilizzandolo mi sono chiesto se ne esistesse una versione “portatile” da caricare su pendrive USB, che non ne richiedesse l’installazione, e che fosse eseguibile direttamente dal driver USB. Ho girato la domanda al supporto tecnico ed ho scoperto che TatukGIS viewer è nativamente portatile: basta infatti copiare la cartella di installazione (di solito la cartella “C:\Programmi\TatukGIS\Viewer”) nella pendrive. Fatto questo, potremo lanciare l’applicazione da qualsiasi computer a cui connettiamo la nostra pendrive, entrando nella cartella che abbiamo copiato e facendo doppio click sul file “ttkVWR.exe”.

Alcune delle altre caratteristiche:

  • Lettura dei seguenti formati
    • Raster: TIFF/GeoTIFF, ECW/ECWP, MrSID, JPEG2000, JPEG, IMG, BMP, BIL/SPOT, PNG, CADRG,
    • Vettoriali: SHP, E00, MIF/MID, TAB, DXF, DGN, TIGER, GML, KML, VPF, GDF, DLG, SDTS, GPX, CSV
    • SQL database layer: ESRI Personal Geodatabase, Geomedia® Access Warehouse, OPENGIS® Simple Features for SQL implementation, TatukGIS binary, TatukGIS PixelStore
    • Grid/DTM: ADF, BT, DT0, DT1, DT2, FLT (ArcInfo Float Binary Grid), GRD (ArcInfo ASCII Grid), GRD (Surfer ASCII Grid-DSAA)
    • Georeferenced Images: GeoTIFF, World File, and TAB base
    • Tutti i formati sono supportati nativamente, senza che sia necessario importarli in qualche formato interno
  • Integrazione di file di formato differente nello stesso progetto
  • Lettura di file progetto ESRI ArcView®, ArcExplorer®, o MapInfo Professional®
  • Zoom in/out, pan
  • Definizione di scale personalizzate di visualizzazione e stampa
  • Rapidità di gestione di grosse moli di dati (shapefile sino a 2 gigabyte)
  • Indicizzazione R-tree
  • Gestione degli stili grafici dei layer vettoriali (colori, stili, riempimenti, contorni, simboli, trasparenza, etc.)
  • Utilizzo di file CGM, WMF, e TrueType per la simbolizzazione degli elementi grafici
  • Creazioni di grafici a torta
  • Interrogazioni spaziali (per punto, linea, cerchio, rettangolo, poligono) basate sul Dimensionally Extended 9 Intersection Model (DE-9IM).
  • Interrogazione SQL per attributo
  • Misura di distanze, aree e perimetri
  • Importazione di dati GPS a partire da file in formato GPX
  • Creazione di Hotlink
  • Map hint automatici
  • Stampa in formato PDF
  • Export di qualsiasi vista in formato TIFF/GeoTIFF (w/ LZW), JPEG, PNG, BMP, PixelStore
  • Mosaicatura di più immagini giù georeferenziate in un unico file

Vi consiglio di provarlo.


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.