Archivio del mese di gennaio, 2008

24 gennaio, 2008 | di

Anche quest’anno è stata presentata la carta degli andamenti del web. Siamo già alla terza versione, ed è sempre un piacere darne notizia. E’ un po’ una sintesi di due miei interessi: la cartografia ed il world wide web.

C’è sempre qualcosa da imparare da questa carta, specie in due aspetti importanti per chi produce cartografia: la leggibilità di una carta, e la capacità di sintetizzare il mondo che ci circonda.

La mappa questa volta è in prospettiva, ha al centro (che caso) Google e sempre più in periferia Yahoo (purtroppo); pezzi di Yahoo (come Flickr) sono comunque in zone importanti della mappa, come quella in cui troviamo “dataportability.org“.

Il lavoro degli autori è ispirato al fantastico lavoro fatto da Adrian Schaffner per le ferrovie Svizzere.

Qui e qui trovate maggiori dettagli. E’ una buona lettura.

trendmap3-google

via visualcomplexity

19 gennaio, 2008 | di

Gerlando è uno degli autori di questo Blog, è per meglio dire l’autore del post che ha portato più visite a TANTO in questi ultimi mesi: “smart2go: le mappe della tua città sul tuo telefonino (Nokia)“.

Con Gerlando condividiamo molte cose e tra queste le letture che facciamo tramite il nostro lettore di feed RSS preferito: Google Reader. I feed RSS li uso per varie cose, soprattutto per tenermi aggiornato. Ho selezionato alcune fonti di informazioni per me significative e le seguo giorno per giorno; il risultato è uno speciale giornale che contiene soltanto le notizie che “preferisco”.

google_reader_shared Google Reader aggiunge ai tradizionali RSS reader una funzione in più: la condivisione di una lettura.

Leggo ad esempio un interessante articolo, e ritengo sia utile condividerlo con qualcuno: con un collega di lavoro, con un amico, con mio fratello, etc. A quel punto clicco sul tasto Share (Condividi nella versione italiana dell’interfaccia) e quell’articolo verrà inserito nell’elenco delle mie letture condivise. A partire da questo elenco vengono generate una semplice e leggibilissima pagina web, ed un feed RSS.

Io ho tra le mie fonti RSS proprio il feed degli articoli condivisi da Gerlando, e tra questi la mia attenzione è caduta su un articolo pubblicato su Digital Lex: “e-Learing: scarica le lezioni online gratuite di Oilproject.org”. E’ un blog interessante che parla di Diritto e nuove tecnologie. Io mi sono scaricato le lezioni su OpenOffice. Il domino è appena iniziato.

Da lì gli occhi mi vanno su Oilproject, “La prima scuola gratuita di informatica online”. E’ stata una bellissima scoperta, in quanto è un sito ricco di materiale didattico disponibile in varie forme: da testi in formato elettronico, a registrazioni audio di lezioni in formato .mp3 liberamente scaricabili. Come tutti i siti che si rispettano, anche Oilproject ha un Blog correlato: Shannon.it.

Per parlarvi di Shannon la cosa migliore è citare gli stessi autori:

Shannon è un altro blog che tratta di tecnologia pubblicando sia articoli tecnici e mirati, sia articoli accessibili al grande pubblico.
Non è la redazione a scrivere articoli e i lettori a commentarli, ma esattamente il contrario.

L’obiettivo di Shannon è stimolare la nascita di discussioni costruttive, ponendo al centro del dibattito i lettori stessi, autori dei post iniziali.

Subito incuriosito dal sito, mi metto un po’ a girovagare e cado su questo interessantissimo post di Lorenzo Perone: “Uilizzi poco convenzionali: divertirsi con Google Earth & Co“. Il cuore del post è un video di circa 30 minuti in cui Lorenzo ci illustra le possibilità che ognuno di noi ha a disposizione utilizzando un GPS, una macchina fotografica, del bel software ed una connessione internet. Gli utilizzi “poco convenzionali” descritti da Lorenzo, richiamano quelli tipici della cosiddetta Neogeography:

  • chiunque può creare una carta geografica
  • un viaggiatore creativo può inserire un’etichetta geografica nelle proprie foto, ovvero farne il geotagging
  • la creazione di mashup
  • la semplicità di utilizzo di strumenti e tecnologie
  • la condivisione di dati e di esperienze

Il video ha un solo difetto, non mostra le operazioni che Lorenzo racconta, ma per fortuna la narrazione è di estrema chiarezza. Ho sollecitato Lorenzo in tal senso, e sta pensando di rimontare il video e renderlo ancora più didattico.

Il video ci avvicina ad un utilizzo più “pieno” di Google Earth, ma anche di altri software meno diffusi ma di grande bellezza. Si parla ad esempio dell’eccezionale alternativa offerta dalla NASA – World Wind – che a mio avviso offre possibilità didattiche molto superiori a quelle di GE. Inoltre World Wind non ha le limitazioni di licenza che invece ha Google Earth (se ne parla nel video).

Il domino finisce con tre spunti che derivano ovviamente dalla visione del filmato:

  • Gpicsync, un software per fare geotagging che sembra molto interessante e ricco di funzioni
  • l’elenco di Software di geocoding presente sul sito di Gpicsync (è sempre un effetto domino)
  • l’utilizzo dei KML Network Link in Google Earth (se tutto va bene, dedicherò un post all’argomento)

La rete alle volte è un mare troppo grande e spesso ci si perde. Quello che a me piace fare è proprio perdermi, e quando ho paura “Arresto il sistema”.

Sitografia:

  1. “Neogeography” Blends Blogs With Online Maps.
  2. O’Reilly Media | Introduction to Neogeography.
  3. The Map Room: Neogeography.

11 gennaio, 2008 | di

Antonio, uno degli autori di questo blog, dice che io “cado” dentro i siti web: ieri sono caduto dentro Thinking in GIS.

E’ il blog di Paolo Corti dedicato ai GIS, ai CMS, allo sviluppo agile e ai design pattern. E’ un blog con dei contenuti belli e “atipici” rispetto agli argomenti classici dei blogger che scrivono di GIS in Italia; è talmente atipico che è scritto in inglese.

L’ultimo post sviluppa un argomento a me caro: l’installazione di MapServer su Ubuntu. E’ scritto con uno stile molto didattico e sarà d’aiuto a molti.

Non vi resta, che fargli visita.

P.S. Alessio, un lettore di questo Blog, mi ha segnalato questo suo articolo in cui spiega come creare una postazione di lavoro per fare GIS basata su Ubuntu.

9 gennaio, 2008 | di

Vi segnalo una raccolta di mappe “nude”, utilissime per creare atlanti, per qualche slide di power point, per poster da presentare in qualche congresso, …

Sono rilasciate sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported, e sono scaricabili in formato .gif, .eps e spesso anche in .pdf

Italia

Via Vector One


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.