24 gennaio, 2006 | di in » Entropia

Ho letto l’intervista di oggi su Repubblica a Luttazzi: mi è piaciuta molto. Mostra la sua solita capacità di sintesi e la sua lucidità “brillante”.
La notizia di cui si parla nell’intervista non è clamorosa in se: chiude il suo blog. Farlo oggi, nell’era dei blog, e chiuderne uno molto visitato è però cosa in qualche modo atipica. Letta l’intervista mi sembra l’unica decisione possibile, e soprattutto una scelta intelligente. Ne allego una parte che mi è piaciuta TANTO.
[...]
La forma blog tende a creare un fenomeno massa più
leader – dice con il consueto ritmo travolgente di parole -, tende a
dare potere a chi gestisce la vicenda e a condizionare i contenuti e il
modo in cui questi vengono ricevuti. E siccome la satira è contro il
potere, si uccide la satira dandole potere. Nel momento in cui il blog
fa questo, indipendentemente dalla tua volontà, a quel punto è
opportuno chiudere il blog. Io dico sempre: la vita preme, quindi è
opportuno chiudere e uscire. Se la tv è un narcotico, il blog può
essere un ipnotico potentissimo, siamo rinchiusi nelle nostre casette e
non facciamo nulla. Conviene spegnere e uscire e incidere nel reale. E’
molto meglio

[...]

Magari domani provo ad incidere anche io un po’ nel reale …

Attenzione! Questo è un articolo di almeno un anno fa!
I contenuti potrebbero non essere più adeguati ai tempi!

2 Responses to “Luttazzi mi piace”

  1. By Amalia on gen 27, 2006

    Anche a me piace. Sopratutto la motivazione ,così come é posta.
    amalia

  2. By Gerlando on set 17, 2007

    Volendo essere ancor più coinciso mi piace la frase:

    la vita preme, quindi è opportuno chiudere e uscire.

    Sono tanti e tali i risvolti di questo inciso che mi sembra banale e noioso elencarli.

Sorry, comments for this entry are closed at this time.


TANTO non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001, in quanto non viene aggiornato con una precisa e determinata periodicita'. Pertanto, in alcun modo puo' considerarsi un prodotto editoriale.